Decreto Ucraina: aiuti aziende contro caro energia

decreto Ucraina. Credito imposta imprese. Scoprire se ne ho diritto
Tra gli aiuti del Decreto Ucraina a supporto delle aziende per contrastare gli aumenti di gas ed energia c'è il credito d'imposta. In cosa consiste? Verifica con noi se puoi averne diritto.

Condividi questo articolo!

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Tra gli aiuti del Decreto Ucraina a supporto delle aziende per contrastare gli aumenti di gas ed energia è stato previsto un credito d’imposta del 12% per l’Energia e del 20% per il gas naturale.
In cosa consiste? Verifica con noi se puoi averne diritto.

Il Decreto-legge 21 marzo 2022 n. 21 contenente “misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina” è ora pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n. 67 del 21 marzo 2022).

Decreto Ucraina: credito d’imposta a favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica.

Alle imprese dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW, diverse dalle imprese energivore, è riconosciuto un contributo straordinario, sotto forma di credito di imposta, pari al 12% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica effettivamente utilizzata nel secondo trimestre dell’anno 2022, comprovato mediante le relative fatture d’acquisto.

Il credito d’imposta viene riconosciuto solamente se il prezzo dell’energia, calcolato sulla base della media riferita al primo trimestre 2022, al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, abbia subito un incremento del costo per kWh superiore al 30% del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019.

Il credito d’imposta è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive, non porti al superamento del costo sostenuto.

Il credito d’imposta è anche cedibile, solo per intero, dalle imprese beneficiarie ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari, senza facoltà di successiva cessione, fatta salva la possibilità di due ulteriori cessioni solo se effettuate a favore di banche e intermediari finanziari.

In caso di cessione, le imprese beneficiarie richiedono il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto al credito d’imposta.

Decreto Ucraina: credito d’imposta a favore delle imprese per l’acquisto di gas naturale.

Alle imprese diverse da quelle a forte consumo di gas naturale è riconosciuto un contributo straordinario, sotto forma di credito di imposta, pari al 20% della spesa sostenuta per l’acquisto del medesimo gas, consumato nel secondo trimestre solare dell’anno 2022, per usi energetici diversi dagli usi termoelettrici, qualora il prezzo di riferimento del gas naturale, calcolato come media, riferita al primo trimestre 2022, abbia subito un incremento superiore al 30% del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019.

Anche in questo caso il credito d’imposta è inoltre cedibile ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari, senza facoltà di successiva cessione, fatta salva la possibilità di due ulteriori cessioni solo se effettuate a favore di banche e intermediari finanziari.

In caso di cessione, le imprese beneficiarie richiedono il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto al credito d’imposta.

Decreto Ucraina: rateizzazione delle bollette per i consumi energetici.

Le imprese con sede in Italia, clienti finali di energia elettrica e di gas naturale, possono richiedere ai relativi fornitori con sede in Italia, la rateizzazione degli importi dovuti per i consumi energetici, relativi ai mesi di maggio 2022 e giugno 2022, per un numero massimo di rate mensili non superiore a ventiquattro.

Leggi il testo completo del Decreto legge 21 del 2022.

Come scoprire se ho diritto ai crediti d’imposta del Decreto Ucraina?

Per tutti i nostri clienti ci pensiamo noi!

Verificheremo noi gratuitamente se la tua impresa ha diritto all’ottenimento del credito di imposta: dovrai solamente inviarci le bollette del primo trimestre 2022 e quelle del primo trimestre 2019.

E se non sono un cliente Inwega?

Verificheremo gratuitamente la possibilità di accedere al credito d’imposta anche alle aziende non nostre clienti.

Clicca qui e scopri se puoi ottenere il credito d’imposta!

In caso di esito positivo riguardo alla possibilità di ottenere il credito di imposta, sarà necessario che l’azienda si rivolga al proprio commercialista per portare avanti la pratica.

 

Chiedi un Consiglio Gratuito
ai Consulenti Inwega

Scrivi compilando il form oppure chiama

+39 035.0510004

Articoli correlati

Chiedi un consiglio

al tuo consulente Inwega

Richiedi

l'Analisi delle Tariffe di Luce e Gas

Inserisci i tuoi dati e carica le tue fatture per ricevere l’analisi richiesta.